Archive for agosto 2007

VALERIO EVANGELISTI A FANO

10 agosto 2007

Alle 21.30 di domenica 12 agosto al Bastione Sangallo di FANO, processo a Eymerich l’Inquisitore e al suo ideatore: Valerio Evangelisti, autore culto di romanzi gotici. Suggestioni musicali del gruppo heavy metal lucchese “Aghast Insane”.

SIETE MAI STATI IN VAL MERDAROLA?

6 agosto 2007

Merdarola.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

Arrivati in fondo alla Valmàsino (Alpi Retiche), per l’esattezza a Bagni di Màsino, parcheggiata l’auto, calzati gli scarponi da montagna, si è subito attanagliati da un dubbio atroce: imboccare il sentiero per la Valle dell’Oro o quello che porta in Val Merdarola [sic]? Io ero fortemente tentato da quest’ultimo, dato il divertimento del nome… poi ho dovuto seguire il mio gruppo verso il rifugio Omio. Quattro giorni di sole sfolgorante in un ambiente mozzafiato, una salita al Pizzo dell’Oro, una traversata fino al Giannetti, sotto il Piz Badile, e chiusura del giro ad anello con ritorno al parcheggio. Adesso vado a Fano, ombelico del mondo. Richiudo il blog. Ciao.

[Foto di Paolo Furlan]

VIBRISSELIBRI FA BINGO

5 agosto 2007

Tragedia negataTana

.

.

.

.

.

.

Riapro il blog per qualche secondo in via del tutto eccezionale. Devo comunicare che due nostri (= di Vibrisselibri) autori sono diventati effettivamente anfibi. Così sintetizza Manuela Perrone, responsabile del nostro Ufficio Stampa:  

«In appena otto mesi di vita, la casa editrice "anfibia" vibrisselibri – metà editore, metà agenzia letteraria – è riuscita nella sua impresa: pungolare gli editori tradizionali. E così due dei cinque libri disponibili gratuitamente sul sito www.vibrisselibri.net hanno imboccato la via della carta. A fine gennaio 2008 il romanzo "Tana per la bambina con i capelli a ombrellone", sarà pubblicato da Rizzoli, e lo seguirà a marzo presso Il maestrale il saggio "Una tragedia negata". Il racconto degli anni di piombo nella narrativa italiana di Demetrio Paolin.

Due "vittorie" per la nuova realtà editoriale (nata da un’idea dello scrittore Giulio Mozzi) che si propone come spazio per libri "mostruosi", fuori norma e perciò poco appetibili per l’industria editoriale, ma anche come vetrina gratuita per lettori ed editori.

«Diamoci un anno di tempo», aveva detto Mozzi il 16 novembre 2006, durante la presentazione ufficiale di vibrisselibri al Caffè Fandango di Roma. Ora l’attesa è stata premiata, insieme con la volontà, l’entusiasmo e la determinazione dei 38 soci dell’associazione vibrisselibri e dei tanti sostenitori. «E la cosa interessante – dice ora Mozzi – è che la pubblicazione in rete dei nostri libri ha provocato reazioni, recensioni e discussioni non solo in rete ma anche nella stampa, dimostrando così che questi libri un loro pubblico ce l’hanno: così che libri pregiudizialmente (ma non da parte nostra…) ritenuti "poco appetibili" hanno invece svegliato gli "appetiti" dell’editoria, anche di quella industriale».

Rizzoli e Il Maestrale sono i primi editori ad aver colto l’opportunità offerta da vibrisselibri, che è un’associazione senza scopo di lucro (i proventi da percentuali d’agenzia sui diritti o consulenze editoriali servono semplicemente a pagare i costi dell’attività). Sono anche i primi ad accettare di sperimentare soluzioni innovative: i libri di Paolin e Viola resteranno disponibili gratuitamente in rete nella versione originale edita da vibrisselibri, e passeranno alla carta ri-editati e (soprattutto il saggio di Paolin, che è una sorta di work in perenne progress) arricchiti. Una formula mai testata in precedenza, che permetterà ai lettori di conoscere non soltanto le opere finite, ma anche la loro evoluzione.

Nella vetrina di vibrisselibri restano tre libri – El largo adìos di Andrea Comotti (prima parte de L’organigramma, romanzo fantastico sulla strage di Piazza Fontana); Nenio di Eugenio De Medio, la storia di un uomo violato e della sua ricostruzione; Appuntamento con il notaio / Paura della notte, i racconti in versi di Alessio Paša. Ed è già in cantiere un nuovo libro, il romanzo I nomi sacri di Riccardo Ferrazzi. Tutte le opere sono complete di editing, grafica e promozione, pubblicate in rete e scaricabili gratuitamente in pdf dal sito www.vibrisselibri.net. «Ci auguriamo – conclude Mozzi – che la pubblicazione di Viola e Paolin faccia capire al mondo editoriale che quella dei volontari di vibrisselibri non è una manica di anime bella, ma una muta di cani da tartufo. Capaci non solo di scovare testi di alto valore letterario o umanistico, ma anche di rivelarne il valore prettamente editoriale. Non per niente molti di noi lavorano a vario titolo nell’industria editoriale, e ne conoscono per esperienza personale virtù e miserie».

Nel frattempo il Comitato di lettura di vibrisselibri continua l’opera di selezione di manoscritti e l’Ufficio promozione prosegue il pressing nei confronti degli editori. I vibrisselibrai, dal canto loro, festeggiano i primi due libri "sans papier" che si vedono finalmente consegnato un permesso di soggiorno nella Repubblica delle Lettere.»

ANCH’IO COME GENNA

1 agosto 2007

(Piz Badile)

Il viandante telematico che visitasse oggi il sito http://www.giugenna.com/ leggerebbe:

"La Centraal Station di Giuseppe Genna chiude i battenti per le meritate ferie estive."

Giacché sono in partenza per le Alpi Retiche, scrivo anch’io:

                               BLOG CHIUSO PER FERIE.

Non posso elencare nessuna fatica paragonabile a quelle evocate da Giuseppe, ma ammetterete che anche il cazzeggio letterario richiede un certo impegno e merita il giusto riposo…

Ci sentiamo, dunque, dopo ferragosto. Statemi bene. I fan più diligenti possono andare a caccia, anzi a pesca di  perle cliccando su archivio > 2005 oppure archivio > 2006 :- )

Buone vacanze.