RIMPICCIOLIRE COMOTTI…

(Un omonimo dell’autore de "L’organigramma": Andrea Comotti, che nell’organigramma del Moto Club  Bergamo rappresenta i piloti ed è capitano della Scuderia BG Treviza)

Dopo aver fatto, nella mia vita, i mestieri più umili:-) o almeno peggio pagati (l’insegnante di lettere, lo scrittore per ragazzi, il traduttore letterario a un tot a cartella, il microeditore eccetera), di recente ho aggiunto una nuova esperienza lavorativa al mio già deprimente curriculum: quella di riduttore-adattatore di un romanzo FIUME in tre volumi ("L’organigramma" di Andrea Comotti, di cui Vibrisselibri ha pubblicato on line la prima parte, El largo adiós) ad audiodramma RIGAGNOLO: si è trattato, in pratica, di trasformare un’opera di circa 1.600.000 caratteri in un copione di appena 300.000, al grido, naturalmente, di "Tajjja ch’è rrrosso!".

Niente bisturi di precisione, quindi, ma un rude coltellaccio da angurie.

Si tenga presente che, ad ogni affondamento della lama, il cuore dell’autore – con cui procedevo a stretto contatto -, sanguinava copiosamente. Ebbene, il 29 febbraio scorso www.vibrisselibri.net ha potuto dare l’annuncio ufficiale. Ne copio-incollo la parte centrale:

«… L’organigramma sta per diventare un libro da ascoltare: con parole, musica, suoni e tutto il resto. Se ne volete ascoltare un assaggio in Mp3,

vi basta cliccare qui.

Tra l’altro, il numero uscito proprio in questi giorni della rivista Nuovi argomenti ospita un estratto dalla prima parte de L’organigramma. Il che non può che farci piacere.

Se vi siete incuriositi: con un semplice clic potete scaricare gratuitamente L’organigramma. (Ah: anche la copertina).

Faq. Ma che storia racconta, L’organigramma? Eh, una bella storia. Nicotrain è uno scrittore di gialli milanese. Nei suoi romanzi inventa soluzioni reali a casi polizieschi e giudiziari non ancora risolti. Ha successo, guadagna un bel po’ di soldi, e realizza il suo sogno: si compra una casa sul lago. Durante i lavori di ristrutturazione si accorge che dietro una falsa parete c’è uno scatolone di fotografie. Guarda. Riconosce. Il luogo, l’occasione, persino alcune facce: Piazza Fontana. Quel 12 dicembre. Nicotrain ricorda: c’era anche lui, quel giorno, arrivato sul posto subito dopo l’esplosione, richiamato dalle voci che già correvano. Di bocca in bocca. Di sirena in sirena, per le vie di Milano… E chi è l’autore? Andrea Comotti è nato nel 1947. Ha lavorato nell’editoria. Nel decennale della morte di C. E. Gadda ha curato una mostra biobibliografica a lui dedicata e un’antologia, La Milano dispersa di C. E. Gadda di brani gaddiani sposati a immagini coeve della città di Milano. E chi è l’editore? È GoodMood. E che differenza c’è tra il libro scritto e quello da ascoltare? Il libro da ascoltare è un adattamento, realizzato da Lucio Angelini. Tanto per dare un’idea: se il libro scritto consiste di circa 800 cartelle, il testo dell’adattamento è di circa 150 cartelle.»

[Immagine da www.motowinners.it/images/A.Comotti.pp.jpg ]

Annunci

9 Risposte to “RIMPICCIOLIRE COMOTTI…”

  1. kinglear Says:

    Ho visto, con mia sorpresa uguale a zero, che alcuni editori adesso i libri li fanno in formato cda, cioè li stampano su 3/4/5 CD o più, perlomeno i bestsellers. Ottima iniziativa per i non vedenti, il costo poi è quasi uguale a un libro cartaceo: mi chiedo però che utilità ci possa essere mai in un audiolibro per una persona che potrebbe leggerlo tranquillamente senza problemi e forse imparare, se non a scrivere, a migliorare la sua scrittura. Ahinoi è una moda, spero non permanente, che ha coinvolto anche Guccini e altri lettori eccellenti la cui voce è data in prestito (remunerato) agli audiolibri. Anche gli mp3, per la musica, che sembrava dovessero sconvolgere il business musicale stanno facendo cilecca: ora ci si è accorti che la gente scarica solo determinate canzoni e quasi mai un album intero o anche solo una compilation. L’iPod doveva togliere di mezzo CD, audiocassette e vinili: in parte questo processo lo ha avviato, però non senza gravi conseguenze per gli artisti e le etichette discografiche stesse: un artista al suo primo album o non ancora affermato viene scaricato per una o due canzoni, non per l’album intero. Un discorso del genere affossa l’artista in erba che resterà, nel più fortunato dei casi, un emergente a vita; gliene frega poco o niente ad artisti quali Elton John o Queen, perché sono già nella storia della musica leggera e continuano a vivere grazie a quei brani che li hanno resi famosi. Così adesso l’industria discografica deve poter offrire CD a un prezzo ragionevole: non si può pensare di mandare sul mercato un album a 20€, non comunque di un artista che sta cercando di sfondare. Ma neanche i nomi grossi si possono permettere di proporre un CD a un prezzo che sia superiore ai 15€, anche se moltissimi ci tentano, quasi sempre per un fiasco, perché tanto la pirateria continua ad esistere. Non è affatto diminuita con l’iPod: i CD costano ancora troppo e non possono essere tolti dal mercato, altrimenti gli artisti possono andare a passeggiare insieme ai discografici. E per nostra fortuna qualche album esce ancora in vinile, perché quando ci si accorge che il nuovo non funziona, o funziona a metà, si torna indietro. Tutto questo discorso per dire che l’audiolibro è un prodotto oggi di moda, veloce ed economico in alcuni casi, ma la cui utilità è dubbia nonostante il boom iniziale. Si finirà con lo scaricare solo alcuni capitoli in formato mp3, quelli che più piacciono all’orecchio del lettore-ascoltatore? Non è da escludere.

  2. Lioa Says:

    La novità delle riduzioni della Push-Pull è che non si tratta di libri letti da un unico attore e da ascoltare mentre magari si è al volante in autostrada, ma veri e propri audio-drammi (cfr. i vecchi radio-drammi): ogni personaggio una voce diversa + suoni + musiche eccetera, sulla base di una vera e propria sceneggiatura.

  3. kinglear Says:

    Non parlo di radio-drammi, che piacciono anche a me, e che a portarlo/inventarlo in Italia è stato Diego Cugia.

    Parlo di audiolibri.
    Di questi, ad esempio:

    http://www.hoepli.it/titoli.asp?editore=EMONS

    Nel mio precedente commento c’è una imprecisione: non Guccini, bensì Francesco Piccolo, Sandro Veronesi, Gianrico Carofiglio

  4. kinglear Says:

    O di questa serie anche:

    http://www.internetbookshop.it/code/9788804575726/hosseini-khaled/cacciatore-aquiloni-audiolibro.html

    C’è anche Grishman…

  5. utente anonimo Says:

    Ribadisco la differenza tra audiolibri (vendutissimi all’estero e con buone potenzialità commerciali anche da noi) e il doppio CD de “L’organigramma”.

  6. Lioa Says:

    Quello sopra ero io.

  7. giacomob Says:

    questo tipo di audiolibri, chiamati appunto “libri in auto”, vuole differenziarsi completamente dai vecchi audiolibri. in pratica si tratta di ascoltare un vero e proprio radiodramma “ispirato” ad un libro. tra le versioni audio e quelle cartacee c’è, grosso modo, la stessa differenza che c’è tra un libro e il film tratto dallo stesso libro. e complimenti ancora a Lucio che, per quanto riguarda l’organigramma, ha fatto davvero un lavorone a tempo di record!

  8. utente anonimo Says:

    Ciao, vi segnalo http://www.adrenalinik.com dove trovi tutte le notizie, foto, classifiche e interviste sugli sport adrenalinici: Formula 1, motogp, sbk, rally, sci, snowboard, windsurf, surf e sport estremi.
    Potreste aggiungerlo tra i siti da Voi consigliati e i vostri utenti potrebbero trovarvi notizie interessanti

  9. Lioa Says:

    Scusa, ma io mi occupo di letteratura…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...