COME CAPITARE PER CASO A PANTELLERIA

«Ci eravamo capitati per caso a Pantelleria. In quattro: Momo, Franz, Wallas e io, dopo un "lavoro" a un supermercato. Con diecimila euro in saccoccia, ci pareva il minimo passare un’estate da ricconi. Alla fine saltò fuori un dammuso per quattro persone, tremila euro per quindici giorni. Altri quattrocento a testa di aereo e la vacanza era prenotata. Non conoscevo quell’isola, più Tunisia che Italia per la distanza. Nessuno di noi la conosceva. Sapevamo solo che doveva essere un gran bel posto, specialmente per quattro di Marghera che da troppo tempo vedevano solo il Lido, a quaranta minuti da casa. Alex, purtroppo per lui, sfacchinava in un cantiere quell’estate. Anita e tutto il giro dell’Associazione difesa migranti presidiavano la città, che si sarebbe svuotata di residenti e riempita di viaggiatori senza permesso di soggiorno, come ogni estate. Alla fine eravamo rimasti noi quattro. Prima di partire per Pantelleria consegnammo a Maia, un’inquilina delle case occupate, una busta con un bel po’ di soldi. "Ci avanzano, mettili nella cassa del collettivo". Partire così, più leggeri di soldi ma contenti, non era male. D’altronde il colpo era andato liscio come l’olio e la fortuna andava sempre ringraziata…»

(Luca Casarini, La parte della fortuna, Mondadori Strade Blu, pp. 35-36)

Annunci

11 Risposte to “COME CAPITARE PER CASO A PANTELLERIA”

  1. kinglear Says:

    Ma va’ a BIP.

    Ecco recensito Casarini.

  2. Lioa Says:

    No.

  3. kinglear Says:

    Guarda che era rivolto alla libro di Berlusconi e non a te.

    Per me se vuoi promuovere Berlusconi, fa’ pure. Tanto per quel che gli servirà… Ah Ah Ah

  4. Lioa Says:

    Ancora fermo a quel punto? La Mondasconi COPRE tutta la domanda di mercato possibile (libri di destra, libri di sinistra) e assicura la più ampia distribuzione. Per quanto mi riguarda, se Mondasconi mi mettesse sotto contratto, non esiterei un istante. So che tu preferiresti l’editore “L’AUTORE LIBRI ” di Firenze, ma ognuno ha i suoi gusti:- /

  5. kinglear Says:

    Il punto è la coerenza.

    Tutto quello che c’è da sapere su Casarini e sul “suo” libro è qui:

    LUCA CASARINI__COERENZA

  6. Lioa Says:

    Di nuovo: ancora fermo a quel punto? Chi è di sinistra non può pubblicare con Mondadori & Einaudi? Suvvia…

  7. kinglear Says:

    Evidentemente non capisci.
    LA COERENZA.
    Ha un qualche significato per te la coerenza?

    Ha un qualche significato per te che Casarini ha pubblicato *** solo perché Dazieri l’ha introdotto ***, come risulta dalle parole stesse di Casarini?

    – Dica la verità: come c’è arrivato a una casa editrice così prestigiosa?

    “Merito di Sandrone Dazieri”.

    – L’autore di “Attenti al gorilla”.

    “Esatto. Sandrone scrive gialli, è consulente per la Mondadori e ci conosciamo da una vita, da quando lui, per capirci, frequentava il centro sociale Leoncavallo… La faccenda è più chiara, ora?”

    Ottimi motivi per non sprecarsi di leggere neanche le alette.

    Ciao ciao

  8. Lioa Says:

    Giuseppe. NESSUN EDITORE, in linea di massima, viene a cercarti a casa tua di sua iniziativa. E’ ovvio che qualcuno deve pur introdurti, magari Bettin alla Feltrinelli o via discorrendo. Ma non sempre funziona, se poi l’editore non si convince che valga la pena investire su di te (i soldi sono pur sempre suoi).
    Inoltre: tranquillo, siamo TUTTI contraddittorii, chi + chi -. Pare sia l’umana natura. Cfr. “Non avere altre idee che quelle provvisorie”. Guai se non si cambiasse nel tempo… non ci sarebbe speranza per i Cattivi:- )

  9. kinglear Says:

    Casarini era un no logo, perlomeno diceva così. Adesso va con Berlusconi e se la ride. E indossa capi con tanto di logo in bella vista. Mon Dieu!

    Pubblica solamente perché introdotto da Dazieri con Mondadori.

    Dice di non saper scrivere un saggio (leggi ancora l’intervista cult di Fabrizio Roncone che ha letteralmente steso al tappeto Casarini), ma sembrerebbe capace di scrivere un romanzo. D’un tratto, per miracolo berlusconiano, Casarini è diventato un novello Conan Doyle.

    Ma chi diavolo vuoi che ci creda, Lucio? Chi è quel fesso che ci crede?

    Nessuno.

    Noi si continua a ringraziare Fabrizio Roncone cui va tutta la nostra più profonda stima per aver svelato con maestria senza pari gli altarini di questa pubblicazione.

    Ciao Lucio, io la chiudo qui.

    g.

  10. laPetruzzelli Says:

    C’era una volta una scrittrice(?).
    Un critico la introdusse ad un editore. Qualche mese dopo critico ed editore litigarono selvaggiamente e la scrittrice non pubblicò.Ambarabacicicocò.:-)

  11. BOCL N. 45 (ALTRI RAGAZZINI DELLA LETTERATURA) « BEST OF CAZZEGGI LETTERARI Says:

    […] COME CAPITARE PER CASO A PANTELLERIA […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...