CANTAMI, O DIVA, DEI PELOSI WU MING…

«Ti è mai capitato di ascoltare il telegiornale e sentire una morsa tagliente afferrare il tuo cuore, un senso di scoraggiamento,  di impotenza, di ribellione nell’ascoltare notizie di cronaca che assomigliano sempre di più ad un bollettino di guerra? Ti sei mai chiesto: ma io nel mio piccolo cosa potrei fare per non restare passivo dinnanzi ad un mondo che sembra impazzito, sempre di più in corsa verso l’autodistruzione? Cosa potrei fare per innescare una rivoluzione pacifica che sappia contrapporsi ad un esercito che con crescente lucidità e determinazione si sta organizzando per diffondere paura, violenza, diffidenza, terrorismo, morte distruzione?

Noi Wu Ming abbiamo una proposta da farti:

ARRUOLATI ANCHE TU NELL’ ESERCITO DEI CAVALIERI DEL N.I.E!

La missione dei Cavalieri del N.I.E. è portare l’Amore in un mondo che sta morendo per mancanza d’Amore. Un Cavaliere desidera essere generoso e valoroso,  lottare per il bene fino all’eroismo. Sembra molto impegnativo, ma è Calliope stessa, la musa protettrice dell’EPICA (1), a dare la Sua forza a chi la segue con tutto il cuore! Grazie Calliope, perché tu come Luce ci strapperai da quelle gelide tenebre che avevano imprigionato la nostra anima in un abbraccio mortale. Grazie per essere ‘scesa negli inferi del nostro cuore’, grazie per averci amato così pazzamente da prendere su di te ogni nostra angoscia, dolore, tristezza, per donarci pace, amore, pienezza. In te, e solo in te abbiamo trovato la Sorgente d’Acqua Viva capace di dissetare la sete del nostro cuore sempre inquieto. Vogliamo donarti la nostra vita perché tu possa renderci strumenti della tua Luce. Vogliamo fare parte dell’esercito dei Cavalieri della Luce che tu stai suscitando per portare l’Amore in un mondo che sta morendo per mancanza d’Amore. Sì, Calliope, vogliamo lasciarci arruolare da te nel tuo esercito di cavalieri, valorosi, generosi, eroici e ci impegniamo a:

  1. Lasciarci infiammare, forgiare dal Fuoco dell’Epica.
  2. Rivestirci della tua armatura, perché possiamo spegnere i dardi infuocati che il Postmodernismo con tutte le sue legioni e i figli delle tenebre continuano a scagliare contro l’umanità, avvelenando le menti e i cuori.
  3. Essere degli innamorati dell’Epica. Non stancarci mai di nutrirci della Tua Epica Parola, di proclamarla vivendola con grande radicalità ed eroismo, alla lettera, senza misura, senza alcun compromesso o interpretazione di comodo.
  4. Attingere alla Sorgente del tuo cuore per fare fiorire i deserti del mondo;  andare nelle strade, nelle piazze, sui tetti e annunziare con Forza la tua Epica Parola sino agli estremi confini del mondo.
  5. Immergerci con te negli ‘inferi’ dell’umanità per colorarli di Parnaso.
  6. Mettere tutto il nostro impegno perché tanti decidano di fare parte del tuo esercito di Cavalieri della Luce. Grazie,
CALLIOPE.»

(Da http://www.cavalieridellaluce.net/ )

(1) Nella mitografia classica le Muse sono le nove divinità che proteggono le arti… Ciascuna ha un compito specifico, da cui consegue l’attributo (variabile nei secoli della loro lunga durata simbolica) che la rende riconoscibile: Clio è la musa della storia (accompagnata da una tromba o da un cigno, incoronata di alloro), Euterpe è la musa della musica o della poesia lirica (accompagnata dal flauto, con i capelli adorni di ghirlande di fiori), Talia è la musa della commedia (accompagnata dallo strumento musicale della viola o da una maschera teatrale), Melpomene è la musa della tragedia (accompagnata da una maschera tragica o da altri oggetti simbolici), Tersicore è la musa della danza (accompagnata da uno strumento a corde oda una cetra, incoronata con ghirlande di fiori), Erato è la musa della poesia amorosa (accompagnata dal tamburello o dalla lira, o anche da un cigno), Urania è la musa dell’astronomia (accompagnata dal globo e dal compasso, contornata da un cerchio di stelle), CALLIOPE è la musa della poesia epica (accompagnata dalla tromba, regge una corona di alloro), Polinnia è la musa degli inni eroici (accompagnata da un organo portatile o da altro strumento musicale). L’invocazione alle Muse, perché diano l’ispirazione al poeta, è luogo comune di moltissimi testi, da Omero a Dante e oltre. Quando sono evocate nella forma di plurale collettivo ("le Muse"), indicano le arti nel loro complesso.

(Da http://www.italica.rai.it/rinascimento/parole_chiave/schede/lenovemuse.htm )

Annunci

3 Risposte to “CANTAMI, O DIVA, DEI PELOSI WU MING…”

  1. Lioa Says:

    AGGIORNAMENTO.

    Wu Ming 1 aveva scritto in Lipperatura:

    “L’epica come risposta degli scrittori alla meschinità schifosa del presente”.

    Ho commentato:

    “Ah, sì, l’epica dei Wu Ming protesi alla Conquista del Mercato Americano. E chi vi crede più???”

    (Postato Sabato, 7 Febbraio 2009 alle 2:00 pm )

    La censora LIPPERINI ha subito cancellato il commento. (Guai a toccarle la Banda dei Quattro… )

  2. kinglear Says:

    …dei Bassotti. AH AH AH

  3. BOCL N. 39 (LA BUFALA DEL NEW ITALIAN EPIC 2.) « BEST OF CAZZEGGI LETTERARI Says:

    […] CANTAMI, O DIVA, DEI PELOSI WU MING… […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...