PRESIDENTE CHE PENSA A SÉ/SE NE IMPIPA DI TUTTI NOI…

(Andrea Vantini, il poeta che dell’elmo di Silvio s’è cinta la testa)

Leggo su  http://www.corriere.it di oggi:

"Il problema è tutto metrico. Perché bisogna trasformare la frase «presidente siamo con te/meno male che Silvio c’è» in «presidente siamo con te/meno male che noi ci siamo». La rima salta e allora modificare il ritornello, mantenendone intatta l’orecchiabilità, diventa un grattacapo. Lo sa bene Andrea Vantini. Lui è l’autore dell’inno azzurro dedicato a Silvio Berlusconi. E per fare cosa gradita al Cavaliere, da una decina di giorni a questa parte, lavora incessantemente a una nuova versione dell’inno."


Qualcuno può aiutare il menestrello del Cavaliere che, nella sua casa di Pescantina, "si dedica, anima e corpo, giorno e notte", alla nuova versione dell’inno azzurro?

Io propongo:

"Presidente che pensa a sé/ se ne impipa di tutti noi" *-°





(Immagine da http://www.tetrisblog.tv/images/6pt/vantini2.jpg )

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...