ENNESIMO SEGNO DEI TEMPI NUOVI…

Ilmiolibro.it si allinea in anticipo alle imminenti leggi-bavaglio.

Ho appena ricevuto dallo staff de Ilmiolibro.it la seguente comunicazione:

«Gentile utente,

abbiamo riscontrato che la sua opera

“La bufala del New Italian Epic”

.

http://ilmiolibro.kataweb.it/schedalibro.asp?id=375851

contiene contenuti che sono potenzialmente diffamatori e potenzialmente violano i diritti di terzi.

La preghiamo pertanto di togliere nei prossimi giorni il libro dalla
vetrina del sito ilmiolibro.it

In alternativa, saremo costretti noi a farlo in relazione a quanto previsto agli articoli 6 e 8 delle condizioni e termini generali di utilizzo da lei sottoscritte

Grazie per la collaborazione,
Un cordiale saluto

Lo staff di ilmiolibro.it»

MIA RISPOSTA:

«Stento a credere a quanto mi comunicate. Il diritto alla satira esiste o me lo sono soltanto sognato? Grazie. Lucio Angelini»

(Immagine da http://www.liberainformazione.org/img/legge-bavaglio.jpg )

11 Risposte to “ENNESIMO SEGNO DEI TEMPI NUOVI…”

  1. Lioa Says:

    P.S. Capisco l'emarginazione subita dagli editori ufficiali, ma che adesso io non possa più esprimermi nemmeno su lulu.com o su ilmiolibro.it  è davvero un segno dei tempi nuovi… Povera Italia!

  2. utente anonimo Says:

    Tutto l'edificio della democrazia poggia sull'opinione pubblica e personale! Segnali gravissimi….la mia solidarieta' bye

  3. Lioa Says:

    Il nuovo pretesto accampato dai sostenitori della necessità di un bavaglio alla libertà d'espressione e informazione, è l'equazione CRITICARE = DIFFAMARE. L'unica libertà residua sarà presto quella di applaudire i potenti di ogni settore e in particolare chi ci governa.

  4. AntonioSabino Says:

    Insomma dovremo tornare alle stampe clandestine? Distribuite porta a porta o in qualche stanzino collocato in una cantina….. tra le tante cose vergognose spicca, a mio parere, la coesione dei partiti italiani, non c'è opposizione, non c'è una contestazione reale, non c'è un tentativo di usare i mezzi previsti dalla Costituzione per bloccare il tutto, io ho la sensazione che si stia lasciando fare il gioco sporco a S. B. in previsione di godersi i frutti tutti assieme. Complimenti per il blog.Antonio Sabino

  5. Lioa Says:

    Siamo veramente governati dalla feccia del paese, o almeno questa è la mia opinione, finché posso esprimerla. I provvedimenti sui limiti alle interecettazioni favorisono mafiosi e malintenzionati di ogni settore e mi indignano profondamente. La malafede di chi li ha ideati e si batte per vararli salta agli occhi… almeno ai miei. Stupisce che molti sedicenti sinistrorsi ne siano così poco turbati. Che ilmiolibro.it – dell'area kataweb-espresso-repubblica – abbia deciso di CENSURARE un libro di mera satira è l'ennesimo segno dei tempi bui che ci attendono.

  6. Aditus Says:

    Cosa significa *potenzialmente* diffamatori e che *potenzialmente* violano i diritti di terzi? 

  7. Lioa Says:

    Tutto e nulla, visto che lo staff di ilmiolibro.it si è guardato bene dal circostanziare alcunché. Il gioco sporco è tutto lì: nel confondere satira e diffamazione, a proposito di un libro che peraltro era stato di proposito collocato nella collana "Umorismo" (ora è stato rimosso).

  8. ferrucci Says:

    Lucio, sinceramente ti accadono cose che fino a qualche tempo fa non sembravano concepibili. La sensazione è che il berlusconismo, con la sua strutturale intolleranza per il dissenso, abbia contagiato mortalmente alcuni gruppi di potere creatisi in editoria. E' vero che cose del genere (l'estromissione, la cancellazione e damnatio memoriae ecc.) le hai già viste accadere nel piccolo mondo della narrativa per ragazzi; ma non credevo che questa brutalità si fosse estesa a tal punto. Cito i seguenti episodi, sufficientemente esemplari:1) Massimiliano Parente, in un articolo su Affariitaliani.it, racconta di come Elisabetta Sgarbi l'ha buttato fuori da Bompiani perché lui (che dalla medesima aveva già ricevuto una diffida perché aveva criticato pubblicamente il protetto Scurati) avrebbe rifiutato di firmare un articolo autoincensatorio scritto da Vittorio Sgarbi.2) Ho saputo che un noto operatore editoriale/scrittore/editor ecc., uno con un curriculum di tutto rispetto, collaboratore di Stile Libero, ha osato bocciare l'autore di un agente letterario italiano che si dice sia potentissimo. Risultato: è stato buttato fuori da Stile Libero.3) In quella stessa occasione ho saputo da uno scrittore attivo in Facebook che la Lipperini lo ha contattato personalmente chiedendogli di togliere te, Lucio Angelini, dalla sua lista di amici. E se l'ha fatto con lui, probabilmente l'avrà fatto con decine di altri. Ma ci rendiamo conto della follia incontro alla quale stiamo andando?Fossi in te, Lucio, non lascerei perdere e passerei al contrattacco. Innanzitutto pubblicherei La bufala del NIE a puntate su un blog, ovviamente non su splinder o kataweb, ma su WordPress: quelli sono americani e di certo non prendono ordini da questi personaggi (nemmeno sanno chi sono). La libertà va salvaguardata: che si tratti del governo o di case editrici o di spazietti culturali nei giornali, queste cricche non possono dettar legge.Un saluto, caro amico.

  9. ferrucci Says:

    Precisazione: "potentissimo" sarebbe l'agente letterario, non l'autore il cui libro era stato bocciato.

  10. Lioa Says:

    @ Ferrucci. Quel libro è assolutamente innocuo, una mera collezione di post satirici ancora leggibili qui su Cazzeggi Letterari. Questo è l'assurdo. Quanto alla Lippa e al Ron Hubbard di Bologna con affiliati vari ho capito da un pezzo da che parte stiano, al di là delle loro maschere finto-progressiste.Ma il colmo l'ha raggiunto lo staff de ilmiolibro.it, che ha spudoratamente replicato:"Gentile Angelini,lei potrà continuare a stampare il suo libro.La sospensione del servizio riguarda la vendita sul sito attraverso la vetrinacordiali saluti,Lo staff di ilmiolibro.it"[Come dire: se ha voglia di regalarci soldi ordinandoci copie del suo libro, siamo a sua disposizione, per il resto l'opera resterà invisibile.]Ho risposto:"Posso dirvi un sentito "Vergognatevi!"? Grazie. Da un lato Kataweb-laRepubblica raccoglie adesioni contro le leggi bavaglio, dall’altro si aggrappa per prima al gioco sporco della confusione tra satira e diffamazione."Insomma sono tempi davvero BUI (un po' come quel tal Robertino di cui sai) e non è escluso che blog come questo verranno presto rimossi dalle piattaforme cui si appoggiano.

  11. IL MIO PRIMO ACQUISTO KINDLE: “SENZA LUCE” DI LUIGI BERNARDI « CAZZEGGI LETTERARI Says:

    […] https://lucioangelini.wordpress.com/2010/05/28/ennesimo-segno-dei-tempi-nuovi/ […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...