QUEI NAZISTI DEI FAN

 “… Si parla tanto del suo antimilitarismo, delle sue battaglie contro il sistema scolastico o contro la macchina commerciale, ma ci si dimentica che The Wall nacque soprattutto dal suo disgusto per il pubblico… [cut]… anche quando suonava sembrava un professore che guardi la classe per scoprire gli alunni disattenti, proprio lui che avrebbe scritto ‘We don’t need no education’… A un certo punto incominciò a volere sempre più servizio d’ordine: sessanta bestioni non bastavano più, adesso ce ne volevano ottanta, cento, centocinquanta… [cut]… Ci confessò poi che quand’era sul palco gli dava particolarmente sollievo immaginare di tirare centinaia di bombe a mano sul pubblico: ma siccome è sempre stato politicamente corretto, il nostro Lirico, ha dovuto trovare una giustificazione, e l’ha trovata scrivendo The Wall, dove il pubblico è una folla di nazisti. È questa l’idea portante dell’opera, che tutti i fan siano in quanto tali dei nazisti: fan viene da fanatico, Roger ha preso questo filo etimologico e ne ha fatto un arazzo… Dunque il muro serviva principalmente a proteggere noi, i poveri Pink Floyd, da questa folla assassina… ”
 

(Michele Mari, Rosso Floyd, Einaudi 2010, pp. 139-140)

"Berlusconi, ossessionato dai sondaggi sulla sua popolarità, va dal Mago Otelma per conoscere il suo futuro. Il Divinissimo Otelma chiude gli occhi, entra in trance, pronuncia formule esoteriche e dopo qualche secondo comincia a parlare:

Otelma: Vedo Lei signor Presidente… su un'automobile aperta… per una strada larghissima e migliaia di persone che la acclamano…
Berlusconi: La gente è felice?
Otelma: Sì sì, felicissima.
Berlusconi: E mi seguono? Seguono la macchina e mi stanno dietro ovunque io vada?
Otelma: Sì, sulla strada e sui marciapiedi, migliaia di persone esultanti, con striscioni a festa, cori da stadio.
Berlusconi: Che bello! Ma sugli striscioni che c'è scritto?
Otelma: Presidente, sono scritte di giubilo, di speranza per una patria migliore.
Berlusconi (sorridendo compiaciuto): Ma urlano pure?
Otelma: Altroché! Urlano tutti: Silvio! Un futuro migliore ci aspetta!
Berlusconi: E dimmi Divino Otelma, amico mio, mi stringono anche la mano e mi danno i bambini da baciare?
Otelma: No, la bara è chiusa ermeticamente."

(Da una barzelletta che gira in rete)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...