BUONA FINE E BUON PRINCIPIO

Lido di Venezia, 1 gennaio 2011: tuffo degli ibernisti nel tratto di mare davanti al Blue Moon.

Domattina, 1 gennaio 2012,  il beneaugurante rito verrà ripetuto come ogni capodanno, ma questa volta – se tutto filerà come nelle mie intenzioni, – nel gruppo degli ardimentosi dovrei figurare anch’io.

Per chi volesse assistere a tanto neo-epico nonché tanto neo-dannunziano gesto, l’appuntamento è a mezzogiorno meno un quarto nel tratto di spiaggia tra Blue Moon e Hotel des Bains. Che Dio me la mandi buona ( la nuova annata).

P.S. Il mio ultimo bagno di mare risale al 31 ottobre scorso. Temo che l’acqua, nel frattempo, si sia ulteriormente raffreddata:-)

http://www.ibernisti.com/

Annunci

Tag:

8 Risposte to “BUONA FINE E BUON PRINCIPIO”

  1. fabio painnet blade Says:

    Amici di bevuta, un pensiero corre a voi in questo ultimo dell’anno.
    M’avete far grasse risate ed ancora ve ne son grato.In quel gesto
    vi trovai fraterna solidarietà, una mancanza non da poco nella
    quotidianità del non-virtuale, dove il fragore delle bombe, l’odore della carne umana bruciata dall’iprite e le mosche sulla bocca degli innocenti
    ahimè son ben concrete. Una solidarietà virtuale val bene qualcosa in
    più del nulla. Ed è col nulla materiale che saluterò questo vecchio anno di ordinario abominio universale e di consueta indifferenza.

    Però non è con l’indifferenza che vorrei chiuder, ma con la rabbia
    che ci tenga vivi in un futuro in disfacimento. E’ alla speranza
    che il terzo mondo si liberi della vicinanza infetta dell’untore
    occidentale, che vanno queste mie feroci parole

    L’anno si avvia alla sua ultime battute e qualcuno si ostina a gufare che potrebbe esser l’ultimo per l’umanità, o l’ultimo che l’occidente civilizzato potrà annunciare attraverso la stupidità dei suoi sfacciati umori, delle sue manie di grandezza e della fredda ingratitudine per quel ‘ resto del mondo’ che i suoi ridicoli festini e i suoi lugubri banchetti hanno contribuito ad affamare. Centinaia di Migliaia , forse milioni di kilometri di svafillanti lucine verranno attorcigliate sugli avveneristici tetti a lenzuolo della baia di Sydney e fino alla cima dell’orrido traliccio parigino. Distese oceaniche di bevande e bollicine torneranno nei mari attraverso i cessi e gli urinatoi delle metropoli, formidabili addobbi e cascate di luce verranno sparate in culo alla stratosfera, per magnificare ancora una volta il miracolo del consumo e del benessere, con l’uomo nero a far da agnello sacrificale nell’eterno tributo ai numi dell’olimpo e alla loro gloria divina.
    Ma a farla da padrona ancora una volta in quest’ennesimo, inutile, smargiasso s.silvestro, ( più filosofo che santo), sarà l’indifferenza sugli scempi, sarà l’augurio impudico che ve ne siano ancora di nuovi. Se poi,
    come si dice , questa cagnara di sberleffi e panettoni potrebbe essere davvero l’ultima, ben poco avrà da preoccuparsi il mondo intero, non quello dei padroni, sia ben chiaro, ma quello vero. L’auspicio più tenero e toccante in siffatte occasioni è che l’ellenico occidente possa affogare sotto la putredine e i miasmi fumanti del suo stesso vomito, appena il dì appresso a quello della festa e che non trovi nemmeno un’alka-seltzer per il mal di testa. prosit

  2. Lucio Angelini Says:

    “L’auspicio più tenero e toccante in siffatte occasioni è che l’ellenico occidente possa affogare sotto la putredine e i miasmi fumanti del suo stesso vomito”

    … ehm, come spiegato nel post, personalmente rischio di affogare nel più banale mare adriatico, anziché nel vomito dell’ellenico occidente, da cui mi permetto di chiamarmi fuori:-)

    Auguroni, Blade. Stai sereno.

  3. paolo f Says:

    Se dovesse essere l’ultimo anno dell’umanità, io sono pronto: ma si sappia che venderò cara la pelle.
    Se invece non dovesse essere l’ultimo, “chi so io” deve tremare…
    Auguri 😉

  4. riccardo ferrazzi Says:

    Auguri anche a te, Lucio. Buon 2012!

  5. Rosanne Dingli Says:

    Auguri a tutti che osservano con tanta umilta’ le occorrenze nell’industria dei libri – come andiamo a leggere nel futuro, come scriveremo… saranno anni pieni di esperienze strane, e non tanto dissimili a tuffarsi in un mare nuovo.

  6. Torte prinzessin Says:

    I’m impressed, I must say. Really hardly ever do I encounter a weblog
    that’s both educative and entertaining, and let me let you know, you might have hit the nail on the head.
    Your thought is outstanding; the difficulty is something that not enough people are
    talking intelligently about. I am very glad that I stumbled across this
    in my seek for one thing relating to this.

  7. fabio painnet blade Says:

    Thanks, for your comment. Next time improve your punctuality and charging your watch

  8. Lucio Angelini Says:

    Fabio, commenta nel post giusto:-)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...